REGISTRATI ACCEDI
Cerca foto e video
Cerca notizie
Sei già registrato?
ACCEDI
Password dimenticata?

Non sei ancora registrato?

Registrati inserendo i tuoi dati.
La registrazione è semplice e gratuita!

REGISTRATI ORA
REGISTRAZIONE
REGISTRATI
Home  |  News  |  Cultura&Spettacolo

L'Italia si conferma una "superpotenza" della bellezza. Altri due tesori entrano a far parte del Patrimonio Unesco

Salgono a 53 i siti italiani tutelati. Le news entry sono le antiche faggete e le Opere di difesa veneziane sorte fra il XVI ed il XVII secolo
Le difese erette dalla Repubblica di Venezia a Bergamo Alta

Salgono a 53 i siti italiani iscritti come patrimoni dell’umanità dell’Unesco. Le news entry sono: le antiche faggete e le Opere di difesa veneziane. La decisione è stata presa dalla 41esima sessione del Comitato del Patrimonio Mondiale a Cracovia. E così il nostro Paese si conferma una sorta di superpotenza di cultura e bellezza

Il riconoscimento dunque à stato attribuito ad un insieme di dieci antiche faggete italiane per una superficie di 2.127 ettari nel contesto del sito ambientale transazionale delle Foreste primordiali dei faggi dei Carpazi e di altre regioni d'Europa.


Antiche faggete

Dieci antiche faggete italiane sono diventate Patrimonio Mondiale dell'Umanità

 

Le "Opere di difesa veneziane, sorte fra il XVI ed il XVII secolo: Stato di Terra - Stato di mare occidentale", sono raccolte in un sito seriale transnazionale presentato nel 2016 dall'Italia insieme con Croazia e Montenegro all'Unesco a Parigi.

Il sito raccoglie i più rappresentativi sistemi difensivi alla moderna realizzati dalla Repubblica di Venezia, progettati dopo la scoperta della polvere da sparo e posti lungo lo Stato di Terra e lo Stato di Mare. Entrano a far parte del sito Unesco le opere di difesa presenti a Bergamo, Palmanova, Peschiera del Garda per l'Italia, Cattaro per il Montenegro, Zara e Sebenico per la Croazia.

"Un importante risultato - commenta il ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini - che conferma il forte e pluriennale impegno dell'Italia nell'attuazione della Convenzione del Patrimonio Mondiale Unesco. Un'opera preziosa che consente al nostro Paese di mantenere il primato del numero di siti iscritti alla Lista e di esercitare un notevole ruolo nella diplomazia culturale nel contesto internazionale".

La candidatura è il risultato di un lungo e complesso lavoro di squadra coordinato dal MiBACT.

Aggiungi un commento

Per commentare devi essere loggato, accedi oppure registrati.

Commenti
Non ci sono ancora commenti!

foto & video
Mercurio magazine

Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato su articoli offerte e promozioni

© 2017 MERCURITALY SRL | Tutti i diritti riservati | C. F. e P. IVA 14303921002 Credits

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più