REGISTRATI ACCEDI
Cerca foto e video
Cerca notizie
Sei già registrato?
ACCEDI
Password dimenticata?

Non sei ancora registrato?

Registrati inserendo i tuoi dati.
La registrazione è semplice e gratuita!

REGISTRATI ORA
REGISTRAZIONE
REGISTRATI
Home  |  News  |  Viaggi&Turismo

Lungo i luoghi del corpo e dello spirito de LA VIA DI SAN FRANCESCO

Viaggi&Turismo 12 Mar 2018
Un itinerario di 500 chilometri dalle molteplici diramazioni che tocca in Umbria, Toscana e Lazio i luoghi dell'errare del "Poverello di Assisi". Un viaggio che può essere vissuto a piedi, in bicicletta e a cavallo
Il Cammino può essere percorso a piedi, in bicicletta e a cavallo
La Basilica di San Francesco d'Assisi

Camminare lungo la Via di Francesco costituisce un cammino sia dello spirito che del corpo. Un viaggio per raggiungere Assisi sui passi di San Francesco, partendo da Nord (La Verna) o da Sud (Roma). Un itinerario che può essere fatto a piedi, in bicicletta o a cavallo che collega tra loro alcuni luoghi che testimoniano la vita e la predicazione del Santo di Assisi. 

Il cammino è un modo per conoscere la gente, i monumenti e le opere d'arte che si sono alimentate della stessa linfa vitale del grande santo. Sono 500 chilometri che uniscono La Verna, Assisi, la Valle Santa di Rieti e Roma. La Via di Francesco - Via di Roma, tra Toscana, Umbria e Lazio, insomma i "luoghi" che testimoniano la vita e la predicazione dei Santo di Assisi.

Le 23 tappe del cammino, con possibilità di scegliere alcune varianti, partono dal sacro monte de La Verna. Il cammino tocca i luoghi dove Francesco passò e pregò, la rotta principale è quella che porta verso Roma: l'eremo di Montecasale, Sansepolcro, CiternaCittà di CastelloPietralungaGubbio e  Valfabbrica e si conclude in Assisi. Qui si può riposare e meditare presso la tomba del Santo nella Basilica a lui dedicata.

Si prosegue attraversando la Valle di Spoleto, tanto cara a Francesco. Le abbazie, le pievi e i conventi testimoniano il fascino spirituale di questo tratto della Via, che racchiude centri storici ricchi di arte e storia: SpelloFolignoTrevi e Spoleto. Si continua nella Valnerina toccando i borghi di CeselliArrone e Piediluco e con una deviazione si può raggiungere Terni e la Cascata delle Marmore.
Lasciata l'Umbria per entrare in Lazio la Via conduce nei principali santuari della Valle Santa di Rieti: Greccio; Fonte Colombo; La Foresta e Poggio Bustone. Da Rieti gli ultimi 100 chilometri per raggiungere Roma.

La Via di Francesco nel tratto toscano ha la segnaletica CAI (segnale bianco-rosso), in Umbria e in Lazio il percorso è ben segnalato con i colori della Via: il Giallo e il Blu che guideranno prima ad Assisi e poi nella Valle Santa di Rieti e quindi a Roma.

E’ importante ricordare di chiedere la Credenziale del Pellegrino, dove raccogliere i timbri e i ricordi cammino.

Come abbiamo detto alla principale direttrice verso la capitale si affiancano altre possibilità:

Via di Francesco - Via del Sud: dal Santuario di Greccio alla Basilica di San Francesco in Assisi, attraversando la Valle Santa di Rieti.

Itinerario da Assisi a Gubbio: un percorso che attraversa le bellezze paesaggistiche dell'Umbria e collega due città d'arte uniche

Via del nord, da La Verna ad Assisi sui passi di Francesco: dal Santuario di La Verna, dove Francesco ricevette le stimmate, verso la Basilica di San Francesco in Assisi.

Via di Francesco – Da Citerna a Città di Castello: trekking da Citerna a Città di Castello: il percorso di San Francesco per la ‘Via del Nord' dell'Alta Valle del Tevere Umbra.

Esiste anche un più breve Cammino di Francesco si compone di otto tappe ed è lungo 80 chilometri. Inaugurato nel 2003 con un'apposita segnaletica in legno, integrata nel 2010 con altri cartelli in alluminio.

Il tracciato ricalca il percorso compiuto dal santo nelle sue visite alla Valle Santa; i principali punti di interesse toccati sono i quattro santuari, il centro storico di Rieti, l'Abbazia di San Pastore ed il bosco del Faggio di San Francesco a Rivodutri, lungo un tracciato a contatto con la natura della Piana Reatina che attraversa la Riserva naturale dei Laghi Lungo e Ripasottile. Se si percorre il cammino in bicicletta, si può fare uso anche della ciclovia della Conca Reatina.

A tutti coloro che si sottopongono al viaggio viene conferito un attestato, chiamato "Passaporto", che documenta l'effettivo compimento del percorso: deve essere ritirato presso uno dei quattro santuari, e va fatto timbrare ad ogni tappa. In più, se il percorso viene compiuto in non meno di due giorni, si può richiedere l'"Attestato del pellegrino" all'Ufficio del Cammino di Francesco, a Rieti in Via Cintia 87.

 

Aggiungi un commento

Per commentare devi essere loggato, accedi oppure registrati.

Commenti
Non ci sono ancora commenti!

foto & video
Mercurio magazine

Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato su articoli offerte e promozioni

© 2017 MERCURITALY SRL | Tutti i diritti riservati | C. F. e P. IVA 14303921002 Credits

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più