REGISTRATI ACCEDI
Cerca foto e video
Cerca notizie
Sei già registrato?
ACCEDI
Password dimenticata?

Non sei ancora registrato?

Registrati inserendo i tuoi dati.
La registrazione è semplice e gratuita!

REGISTRATI ORA
REGISTRAZIONE
REGISTRATI
Home  |  News  |  Wellness

Mangi molti FRUTTI ROSSI? Fai bene, aiutano a prevenire molte malattie fra cui il morbo di Parkinson

Wellness 07 Dic 2017
Uno studio svolto da un team di ricercatori delle università di Harvard e di East Anglia, ha evidenziato come i flavonoidi (contenuti appunto nella frutti di bosco) sono in grado di offrire maggior protezione su una vasta gamma di patologie
Una dieta in cui i frutti rossi abbiano spesso la loro presenza aiuta a prevenire molte patologie

“L’uomo è quel che mangia” diceva il filosofo tedesco Ludwig Feuerbach. E allora non deve stupire se quel che ingeriamo influisca sulla nostra salute presente e futura. Uno studio pubblicato recentemente ha dimostrato che una dieta ricca di cibi come i frutti di bosco, l’uva, le mele, il tè e altre sostanze ricche di antiossidanti può proteggere il nostro organismo da molte patologie. Per esempio è possibile ridurre significativamente il rischio di contrarre una malattia che spaventa particolarmente in età avanzata, ovvero il morbo di Parkinson.

Lo studio è stato svolto da un team di ricercatori delle università di Harvard e di East Anglia, ha coinvolto circa 130,000 persone, gli stessi sono stati seguiti per circa 20, analizzando il loro stile di vita e la loro alimentazione quotidiana.

Durante questo periodo, circa 800 soggetti hanno sviluppato il Parkinson, i ricercatori hanno così avuto modo di valutare gli effetti che la stessa ha sulla nostra salute e il rischio d’insorgenza di ulteriori malattie da parte degli alimenti che i soggetti ingerivano.

I risultati hanno evidenziato come i flavonoidi sono in grado di offrire maggior protezione su una vasta gamma di patologie: l’ipertensione, la demenza e qualche tipo di cancro. I soggetti che assumevano maggiori quantità di flavonoidi e antocianine avevano il 40% in meno di possibilità di sviluppare la malattia.

Ecco gli alimenti: mele, fragole, ribes, frutti di bosco, mirtilli, ciliegie, lamponi, uva.

I partecipanti che consumavano una o più porzioni di frutta a bacca ogni settimana, hanno avuto circa il 25% in meno di probabilità di sviluppare il morbo.

Aggiungi un commento

Per commentare devi essere loggato, accedi oppure registrati.

Commenti
Non ci sono ancora commenti!

foto & video
Mercurio magazine

Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato su articoli offerte e promozioni

© 2017 MERCURITALY SRL | Tutti i diritti riservati | C. F. e P. IVA 14303921002 Credits

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più